• Twitter Icon
  • Facebook Icon
  • Linkedin Icon
iot: uno sguardo al futuro

IoT: UNO SGUARDO AL FUTURO

Internet of thing è conosciuto come un insieme di tecnologie embedded e non, connesse tra loro, che comprende sensori, attuatori, macchine, dispositivi mobili... "a world-wide network of interconnected objects uniquely addressable, based on standard communication protocols". Ci si aspetta che nei prossimi anni il mercato e la vita quotidiana vengano rivoluzionati dall’utilizzo dell’IoT.

I. Introduzione

In questo articolo non si entrerà in dettagli tecnici, ma verrà spiegato in linea generale cos’è l’IoT, come stia cambiando il modo di fare business di grandi aziende che offrono servizi, la vita di ogni giorno, l’ambiente domestico e urbano, ma anche quali sono i rischi che ci possono essere con l’adozione di questo, su larga scala. Ogni componente dell’IoT è in grado di generare dati di vario genere, ed essendo collegati in rete è in grado di trasmetterli ad altri componenti o a servizi dedicati all’analisi di questi dati.

Da questo deriva il termine "Big Data", che non si riferisce alle grandi dimensioni dei singoli dati, ma al numero di utenti che li genera. Implementando, quindi, sistemi intelligenti in grado di analizzare tutti questi dati resi disponibili con l’avvento dell’IoT, si è per esempio in grado di far capire alle aziende leader nel mercato quali sono gli interessi comuni dei propri consumatori, qual è il loro grado di soddisfazione, quali sono i miglioramenti da attuare per diventare più efficienti, come anticipare i rischi, etc. In altri ambiti si possono identificare crimini e minacce in base a riconoscimento video, audio; riconoscere condizioni critiche negli ospedali per poter intervenire tempestivamente; diminuire i consumi energetici monitorandoli ed ottimizzandoli in maniera automatica.

II. Rischi e Problematiche

Sicuramente come abbiamo visto IoT può portare innumerevoli vantaggi dal punto di vista del mercato, dell’economia, dell’interoperabilità tra il mondo "virtuale" e quello "reale", da quello sociale ed intellettuale. Tuttavia non sono da sottovalutare i rischi connessi alla sicurezza di queste nuove tecnologie, e nemmeno i problemi tecnologici per adottare l’IoT in tutte le realtà oggi già esistenti.

Ci sono ancora, infatti, mancanze nel campo tecnologico, c’è ancora poco materiale a disposizione nella letteratura riguardo l’IoT, servono standard globali da definire sull’utilizzo e la legislazione dell’IoT. Molte aziende potrebbero produrre oggetti a basso costo tralasciando aspetti importanti della sicurezza. La privacy e’ un fattore da non trascurare quando si ha a che fare con innumerevoli dati provenienti dagli utenti o da ambienti per i quali alcune informazioni potrebbero essere compromettenti.

Prima dell’avvento dell’IoT la minaccia alla sicurezza nella vita di tutti i giorni era legata alla diffusione di informazione oppure nella perdita del servizio, ora le minacce sono sempre più vicine alla vita reale e possono influenzare direttamente la sicurezza "fisica". Servono meccanismi per proteggere i dati personali.

III. Sicurezza

Nella definizione classica ci si riferisce a:

  • confidentiality, dati sensibili non devono giungere a destinatari non desiderati;
  • authentication, verifica dell’identità di un oggetto o una persona;
  • integrity, verifica della non manomissione dei dati;
  • non-repudiability, dati inviati da una entità non possono essere ripudiati;
  • availability, disponibilità di un servizio (solitamente implementati grazie alla crittografia).

Nel contesto dell’ IoT tuttavia il focus non può essere solamente su questo, ma anche su:

  • la sicurezza dell’architettura sulla quale gli oggetti dell’IoT sono appoggiati (gli elementi coinvolti, la relazione tra gli oggetti che ne fanno parte, il lifecycle di un oggetto)
  • la sicurezza interna ad ogni oggetto (separazione dei processi, salvataggio dei dati)
  • la sicurezza durante il bootstrapping (allacciamento di un oggetto alla rete IoT, autenticazione e autorizzazione di un dispositivo)
  • Infine connettere dispositivi completamente eterogenei può risultate una sfida, per la differenza dei protocolli adottati (molti dei quali proprietari e non standard).

IV. Conclusioni

Concetti dell’IoT sono già ampiamente utilizzati al giorno d’oggi, perchè allora si parla dell’avvento dell’IoT? Perchè si parla del fatto che verrà largamente adottano negli anni a venire? Come presentato in questo articolo, IoT promette una vera e propria rivoluzione in ogni ambito, una rivoluzione certamente che si manifesta positiva, ma la quale ha intrinsecamente un’ ombra oscura e per questo ancora non è del tutto adottata.

Non è, infatti, ancora definita alcuna legge (o quasi) a riguardo, le problematiche discusse sulla sicurezza e la privacy sicuramente non giovano a questa sensazione di "paura" che i nostri dati possano essere rubati, spiati, al fatto che l’idea di privacy così come la conosciamo oggi, possa cessare di esistere.

References

[1] Padmavathi, G. "IOT Security Challenges and Issues-An Overview."World Scientific News 41 (2016): 232.

[2] O’Neill, Maire. "Insecurity by Design: Today’s IoT Device Security Problem." Engineering 2.1 (2016): 48-49.

[3] Hwang, Yong Ho. "Iot security & privacy: threats and challenges." Proceedings of the 1st ACM Workshop on IoT Privacy, Trust, and Security. ACM, 2015.

[4] Gong, Wenjie. "The Internet of Things (IoT): what is the potential of the internet of things (IoT) as a marketing tool?." (2016).

CI FIDIAMO SOLO DI

  • Amazon AWS
  • Cisco
  • Dell Computer
  • Laravel
  • Regus
  • Brevi Distribuzione Informatica
  • Bitrix24
  • Cloudflare
  • Hootsuite

    Sede Legale/Headquarters

    • Vanilla Innovations SRL
    • viale Papa Giovanni XXIII°, 106 - 24100 Bergamo
    • P.IVA.03584470136

    Contatti

    • Tel. +39 0354504637
    • Fax. +39 1782202209
    • Email. info[at]vanillainnovations.com

    Websites

    • http://vanillainnovations.com
    • http://helpdesk.vanillainnovations.com